” Un urlo o una risata, questo sono io! “

“Un artista, D’Annunzio Antonio, che per vocazione ha nel cuore la bellezza, quella ravvisabile nella realtà fatta di umano. Umano vivere, umano gioire, umano soffrire nel quotidiano ma anche nell’eterno, nell’attimo che fugge così come nel senso d’infinito.”

Maria Augusta Baitello

“La scultura di Antonio D’Annunzio è drammatica e inquietante allo stesso tempo. Ha una storia ed ha una tradizione come la materia che informa (la terra cotta) e come il popolo che esprime e a cui appartiene: il popolo abruzzese. Drammatica e inquietante perché vissuta e nasce da un vissuto, come nei guerrieri e gli “esausti” nei quali s’incarna delineandone il soggetto.”

Giuseppe Fidelibus

“Quando il fare arte scaturi­sce da una sincera passione coltivata sin dalla prima gio­vinezza, non esiste ostacolo materiale o spirituale che im­pedisca all’uomo scaldato dal soffio della creatività di tradurre in esternazioni visibili e in forme armo­niche il fuo­co espres­sivo che gli si agita dentro.”

Daniela Madonna